Logo
Stampa questa pagina

Il Piemonte alla Head of the River Amstel 2016

Il Piemonte alla Head of the River Amstel 2016

DSC 4435Si è conclusa con il rientro all’aeroporto di Torino Caselle, avvenuto nel pomeriggio di quest’oggi, la trasferta della spedizione Piemontese composta dall’8+ Open Mind e dal 4 di coppia Juniores che ha preso parte alla 77esima edizione della Head of the River Amstel.

L’appuntamento, organizzato dal Rowing Club Willem III in collaborazione con l’Amsterdam Rowing Association (ARB), dedicato esclusivamente alle specialità del quattro di coppia e dell’otto, ha fatto registrare anche quest’anno ampia partecipazione: oltre 4.000 atleti (a formare più di 500 equipaggi) provenienti da tutta Olanda ed Europa sono scesi in acqua e si sono confrontati nelle varie specialità suddivise su due giorni di gara.

Entrami gli armi Piemontesi hanno gareggiato al sabato, cimentandosi nella canonica distanza di otto kilometri che separa il centro di Amsterdam dalla località di Oudekerk.DSC 4501

L’otto Open Mind era composto dagli stessi Pararowers che lo scorso anno hanno vestito i colori sabaudi in occasione della Heineken Roeivierkamp (altra manifestazione internazionale ospitata sulle acque del fiume Amstel), confrontandosi  per la prima volta nella storia contro atleti normodotati: anche quest’anno Matteo Bianchi, Alessandro Rossi, Giovanni Rastrelli, Matteo Bongiovanni, Umberto Giacone, Lorenzo Sforza, Manuel Vaccaro ed Andrea Appendino (in forze alla Canottieri Armida), timonati da Filippo Cardellino, sotto la supervisione del Tecnico Federale e membro della Commissione Tecnica Regionale Cristina Ansaldi hanno conquistato il cuore ed il tifo del numeroso pubblico presente, regalando spettacolo ed investendo tutte le loro energie nella gara dedicata agli equipaggi Senior maschile, che li ha visti chiudere al 30esimo posto.

DSC 4482Altrettanto avvincente è stata la gara disputata dall’equipaggio Piemontese del quattro di coppia Juniores maschile: Federico Merzagora, Guido Reyneri di Lagnasco, Tommaso Favale e Vittorio Mattia Bighi, classe 1998/1999 hanno preso parte alla loro prima regata internazionale, dimostrando grande spirito combattivo, senza il benché minimo timore reverenziale.

Nonostante la specialità del quattro di coppia con timoniere fosse del tutto nuova per loro (tale specialità in Italia non viene praticata) i quattro giovani, in forze alla Canottieri Esperia, hanno disputato una gara di grande carattere, che li ha visti rimontare numerosi equipaggi e chiudere ai piedi del podio con un bellissimo quarto posto.

La spedizione Piemontese, anche quest’anno, ha potuto contare sul contributo di numerosi soggetti: un ringraziamento al Coni Piemonte ed al Cip Piemonte, patrocinanti dell’iniziativa, alla Di-Bi, sponsor tecnico e fornitore dei capi indossati dagli atleti, alle società canottieri Armida ed Esperia, al Rowing Club RIC per l’ospitalità e la fornitura delle imbarcazioni, al Tecnico Federale e membro della Commissione Tecnica Regionale Cristina Ansaldi, al Tecnico e timoniere dell’otto Filippo Cardellino, a Cristina Olivo per la disponibilità ed il prezioso contributo organizzativo ed alle famiglie degli atleti.DSC 4560

Appuntamento all’edizione 2017!

 

(per visualizzare l'album fotografico clicca qui)

 

ALESSANDRO POLATO 

©2016 All rights reserved.