Дървен материал от www.emsien3.com

The best bookmaker bet365

The best bookmaker bet365

Menu

L'Italia alla 32esima edizione della Coupe de la Jeunesse

L'Italia alla 32esima edizione della Coupe de la Jeunesse

Anche quest’anno, per il quindicesimo anno di fila, la 32esima edizione della Coupe de la Jeunesse, seconda manifestazione continentale per importanza dopo i Campionati Europei Juniores, è stata una questione a due fra Inghilterra ed Italia.

L’Italia, forte della vittoria delle edizioni 2014 e 2015, aveva quest’anno la possibilità di pareggiare i conti con gli inglesi (11 vittorie a 12), ma, nonostante la presenza in tutte le 13 specialità previste dal programma gare, quest’anno sono stati proprio gli inglesi ad aver la meglio.

Nonostante ciò, i 49 azzurri scesi in campo a Poznan (Polonia) han dato grande spettacolo, conquistando, nell’arco dei tre giorni di gara, un totale di 12 medaglie (2 ori, 6 argenti e 4 bronzi).

A contribuire al ricco bottino anche i cinque piemontesi presenti: Filippo Fornara (Armida) impegnato nella specialità dell’otto Juniores in barca con Mario Cella, Stefano Scolari, Nicholas Kohl, Gennaro Zenna, Giovanni Codato, Giovanni Mammarella, Fabio Maffiola e Leonardo Macchi, ha conquistato la medaglia d’argento nella finale del sabato e la medaglia di bronzo in quella di domenica; per l’imbarcazione azzurra l’Inghilterra si è dimostrato l’armo più forte, con l’Ungheria che nella seconda giornata è riuscita a mettere la pallina avanti sul traguardo.

Oltre a Filippo, presente l’armo torinese del Cus Torino composto da Valentina Gallo, Agnese Medana, Clara Loverso e Diletta Diverio (capitano della squadra femminile); le quattro azzurrine hanno conquistato il quinto posto sia nella giornata di sabato che in quella di domenica.

Per l’Italia del remo ora si entra nel vivo dei XXXI Giochi Olimpici: la squadra azzurra è partita ieri da Fiumicino alla volta della capitale brasiliana, dove dal 6 al 13 agosto prossimi si terranno le gare dedicate alla disciplina remiera.

FORZA AZZURRI!

ALESSANDRO POLATO

Torna in alto