Дървен материал от www.emsien3.com

The best bookmaker bet365

The best bookmaker bet365

Menu

Mondiali Under 23 - Plovdiv

Mondiali Under 23 - Plovdiv

L’Italia chiude al primo posto del medagliere i Campionati del mondo under23 che si sono svolti questo fine settimana a Plovdiv.

La spedizione italiana, infatti, torna a casa vittoriosa grazie ai titoli mondiali conquistati dal quattro di coppia P.L. femminile, dal due senza P.L. maschile, dal quattro con maschile, dal quattro senza P.L. nonché grazie all’argento del singolo P.L. ed al bronzo del doppio P.L.

Delle sei medaglie conquistate ben 3 brillano di luce piemontese.

Il bacino bulgaro risulta, dunque, essere caro agli atleti sabaudi che già nel 2012 festeggiavano su questo campo di gara due titoli mondiali junior di elevatissimo pregio: si trattava di Alberto di Seyssel (Armida) nel quattro senza e Luca Lovisolo (Cerea) a bordo dell’otto.

Sabato, prima giornata di finali, è arrivato il primo successo.

Greta Masserano (CUS Torino), secondo carrello del quattro di coppia P.L., gareggiava la sua quinta finale mondiale in questa specialità ma l’oro le era sempre sfuggito.

La barca azzurra, composta, oltre che da Greta, da Giorgia Lo Bue (Palermo), Nicole Sala (Lario) e Valentina Rodini (Bissolati), dopo il successo in batteria si è ripetuta in finale, travolgendo con 3 secondi e mezzo di distacco la Francia, seconda classificata, e laureandosi Campione del Mondo.

Nella giornata di domenica, invece, è scattata l’ora della finale di Francesco Pegoraro.

Il campione dell’Esperia sorprese già l’anno scorso a Varese, dove conquistò con una finale mozzafiato conquistò la medaglia di bronzo nel singolo pesi leggeri.

Ma se ripetersi è difficile, migliorare lo è ben di più.

Dopo essere rimasto in sesta posizione sino a oltre metà gara Francesco ha dato il via ad una rimonta irresistibile scalzando uno per uno i suoi avversari, a parte l’irraggiungibile francese Pierre Houin, e concludendo la sua carriera da Under 23 con una splendida medaglia d’argento.

Poco dopo è toccato a Lorenzo Galano, compagno di squadra all’Esperia di Francesco Pegoraro ed alla sua prima esperienza in campo internazionale nella delicata e competitiva gara del doppio pesi leggeri.

Dopo aver conquistato il difficile accesso in finale, Lorenzo ed il suo compagno Antonio Vicino (CRV Napoli) sono stati artefici di 2000m coraggiosi, capaci di contenere l’attacco finale dell’equipaggio neozelandese, difendendo così la terza posizione e, soprattutto, la medaglia di bronzo.

È mancata la medaglia agli altri due piemontesi in gara sulle acque di Plovdiv.

Il quattro senza di Luca Lovisolo (Cerea) ha terminato la finale in quinta posizione, così come il quattro di coppia pesi leggeri di Federico Gherzi (Esperia)

I grandi appuntamenti della stagione sono solo iniziati.

Durante il mese di agosto si susseguiranno, in sequenza, la Coupe de la Jounesse (1-2 agosto a Szeged, Ungheria), i Campionati del Mondo Junior (6-9 agosto, Rio de Janeiro, Brasile) ed i Campionati del Mondo assoluti (29 agosto – 6 settembre, Aiguebelette, Francia).

 

ANDREA CANATA

Torna in alto