Дървен материал от www.emsien3.com

The best bookmaker bet365

The best bookmaker bet365

Menu

Piediluco 25 podi per gli atleti piemontesi

Piediluco 25 podi per gli atleti piemontesi

Risultati di pregio degli atleti piemontesi al secondo Meeting Nazionale. Sabato si inizia subito con il botto e nella prima finale disputata vittoria del due senza femminile junior del Cus con Khadija Alajdi El Idrissi e Letizia Tontodonati e seconda posizione nella finale B per l’altro equipaggio del Cus con Diletta Diverio e Valentina Gallo. Nel settore maschile nella stessa specialità Andrea Carando e Alberto Vincenti (SC Cerea) si portano a casa un meritatissimo bronzo e Matteo Bonetti Alberto Zamariola in un misto Armida Cerea un ottavo posto in finale B. Subito dopo Silvia Crosio (Amici del Fiume) conquista un'altra medaglia di bronzo nel singolo junior femminile, mentre nel maschile Leon Radice Karoschitz (Cerea) ottiene la quinta posizione e Achille Benazzo (Cerea) la quinta in finale B

Nel singolo senior argento per Kiri Tontodonati (CUS Torino) in una gara combattuta fino all’ultimo metro con la collega di nazionale Stefania Gobbi e ancora l’argento nel doppio questa volta sulla stessa barca, mentre Eleonora Carpini (Esperia) ottiene un quinto posto in finale B.

Prestigioso oro, nel singolo under 23, a Lorenzo Galano (SC Esperia), settimo assoluto, mentre, un po’ sfortunato, Alberto Di Seyssel, (Fiamme Oro – Armida) pur con un migliore tempo, ma in finale B, porta a casa l’argento. Altro argento per l’equipaggio Armida misto VVF Tomei con Fornara Filippo e Andrea Cattermol nel due senza pesi leggeri under 23 e quinti Italiano Riccardo Visentini Alessandro del Esperia.

Cambia giorno, passiamo alla domenica, ma sempre inizio esplosivo dei canottieri piemontesi che iniziano con un oro nel quattro con senior degli Amici del Fiume con Edorado Margheri Giulio Francalacci Simone Tonini Sasha Sicurani Roberto Trivellone.

Nel singolo ragazzi al settimo posto Bianca Saffirio in finale A e Alessia Cieli del Cus in finale B.

Ottimo terzo posto nel due senza ragazzi per la sempre più agguerrita Candia 2010 con Lucrezia Baudino e Larisa Seserman e sesto e settimo posto per gli equipaggi del Cus di Agnese Medana Girgia Bardo e Elisa Sorbello Anita Boldrino. In campo maschile gli armidiani Giuseppe Barbagiovanni e Alessandro Fantechi ottengo la quarta e sesta posizione e nel due senza ottavi Pietro Barbero ed Elia Giannarelli. Nel quattro di coppia il Candia 2010 con Raphael Ronco Patriarca Eric Rossi Damiano Actis Comino Lorenzo Michelizza in sesta posizione seguiti dall’Esperia di Mario Bonesi Andrea Garbo Gigi Massaro Alberto Pantarotto, in seconda posizione in finale B il Cus con Simone Maretto Jacopo France Rabajoli Pietro Maestri Giacomo Gallo. Nel quattro senza ragazzi il Cus con Elisa Sorbello Anita Rosa Boldrino Agnese Medana Giorgia Bardo.

Stupendo oro (anzi doppio) dell’armidiano Cosmin Mascalu che su armo Cus Ferrara vince il quattro di coppia senior come equipaggio under 23. Bronzo nel quattro di coppia PL under 23 per gli Amici del Fiume con Elena Crosio Marta Zoppi Domiziana Minissale Marta Ruppino. Nel doppio ragazzi finale B settimo posto per il Cus con Paolo Luca Scifo Giovanni Giachino. Nel singolo esordienti argento per Luca Sacchi dell’Esperia e quarto posto per Carlotta Barba degli Amici del Fiume.

Combattuto oro conquistato con ottima chiusura nel finale dell’8 junior dell’Esperia con Stefano Ardu Vittorio Bighi Umberto Danusso Pietro Martino Matteo Scifo Giovanni Scovazzo Gabriele Tobia Giorgio Tognotti timonati da Leonardo Macchi.

Tra gli atleti pararowing sulla nuova distanza dei duemila metri con partenza a vantaggi differenziati, vittoria del doppio Armida Arianna Ricucci e Massimo Spolon (Gavirate) e quinto posto di Davide Dapretto (Armida) e sesto di Anila Hoxha (Cus).

Nel quattro senza junior femminile il Cus si deve accontentare del quarto e quinto posto con Khadija Alajdi El Idrissi Letizia Tontodonati Claudia Cabula Ottavia Ravoni e Valentina Gallo Veronica Bumbaca Martina Visintin Diletta Diverio mentre nel maschile stessa sorte per l’equipaggio dell’Armida con Matteo Bonetti Alberto Vincenti Alberto Zamariola Giorgio Gesmundo e Cerea con Federico Dini Roberto Gerosa Matteo Raffael Panceri Andrea Carando.

Altro bronzo nel doppio junior con l’equipaggio Cerea misto Fiamme Gialle con Leon Radice Karoschitz Gabriele D'Alfonsi.

L’atleta Benedetta Faravelli dell’Esperia nel quattro senza misto SC Arno conquista l’oro nella categoria under 23 e bronzo nella categoria senior.

Guido Perretti della Lago d’Orta vince in bronzo nel doppio under 23 nel misto con Guido Maria Ciardi (Nino Bixio)

Nella gara del quattro senza primi nei pesi leggeri under 23Carlo Franzoni Raffaele Nugnes Riccardo Italiano Alessandro Visentini (Esperia) e secondo Pietro Cappelli in un misto con il Rowing Genova e terzo nell’under 23 l’Armida in equipaggio misto societario con Edoardo Lanzavecchia e Vittorio Serralunga (Cerea) e terzo Filippo Fornara (Armida) in un misto Varese.

Nel doppio PL under 23 ancora oro per Lorenzo Galano (Esperia) in coppia con Antonio Vicino (Sabaudia)
e settimi Andrea Cavallero Francesco Squadrone degli Amici del Fiume.

Nel quattro senza ragazzi l’Armida quinta con Pietro Barbero Elia Giannarelli Alessandro Gardino Luigi Vaccarino. Nel doppi ragazzi femminile quinto posto del Candia 2010 con Lucrezia Baudino Larisa Seserman e sesto e ottavo posto in finale b per Marta Cuffia e Cecilia Beux (Cus) e Zoe Cottino Berretta Bianca Mesturini (Armida).

Terzo posto nel quattro di coppia under 23 per gli Amici del Fiume per Sveva Dallere in euipaggio misto societario.

Nell’ 8 senior si posiziona quarto l’equipaggio Varese under 23 con Massimiliano Ferrere degli Amici del Fiume.

Nel quattro di coppia ragazzi sesto il Cus Marta Cuffia Alessia Cieli Annalisa Tarro Genta Cecilia Beux

Nelle ultime due gare si sono sfidati con partenze ad handicap gli equipaggi del Italia Team. La sfida tra gli otto e i quattro di coppia nei maschi e dei quattro di coppia femminili ha visto ancora una volta protagonista Kiri Tontodonati in terza posizione e terza medaglia. Tra i maschi quinti sull’otto i già citati Lanzavecchia e Serraluga e sul quattro Di Seyssel.

Per i nostri atleti, gareggiare insieme all'Italia Team, ha permesso di mettersi in luce e farsi notare dai selezionatori della Direzione tecnica. La formula di premiazione adottata, anche se a tratti è sembrata anche caotica, da una parte ha permesso questo confronto tra categorie, mentre dall'altra ha consentito agli equipaggi di mettersi al collo l'agognata medaglia. Un esperimento chiusosi con successo e che ha permesso allo staff tecnico federale di acquisire tutte le informazioni necessarie per poter lavorare alla formazione degli equipaggi definitivi da iscrivere ai prossimi eventi internazionali.

Riccardo Iuliani

Torna in alto