Logo
Stampa questa pagina

T.E.R.A. - Trophée Européen des Régions à l'Aviron 2016

T.E.R.A. - Trophée Européen des Régions à l'Aviron 2016

Ad un anno di distanza dalla spedizione in terra Svizzera, il T.E.R.A. (Trophée Européen des Régions à l'Aviron) 2016 ha fatto tappa in Toscana, presso il bacino remiero di Roffia.

La manifestazione, che a partire dai primi del 2000 ha raccolto il testimone ed ampliato il precedente CO.TRA.O, match triangolare riservato alle sole rappresentative di Piemonte, Suisse Romande e Rhone Alpes, ha visto quest’anno la partecipazione di Piemonte, Lombardia, Liguria e Toscana per l’Italia, Suisse Romande e Ticino per la Svizzera, Rhône-Alpes per la Francia.

Oltre 650 gli atleti gara presenti, che fra il pomeriggio di sabato e la mattinata di domenica hanno animato le acque di Roffia, dando vita ad entusiasmanti sfide combattute sino all’ultimo colpo.

La rappresentativa Piemontese, composta da 48 atleti fisici, ha cercato di bissare e migliorare la prestazione dello scorso anno, quando il Piemonte conquistò il terzo posto nella classifica finale, alle spalle di Lombardia e Rhône-Alpes.

Nella giornata di sabato hanno brillato le vittorie di Matteo Bonetti ed Alberto Zamariola nel doppio ragazzi e Filippo Fornara, Cosmin Muscalu, Luca Ceroni ed Edoardo Lanzavecchia nel quattro senza junior, cui si è aggiunto il secondo posto di Lorenzo Galano e Riccardo Italiano nel doppio senior ed i terzi posti degli juniores Benedetta Faravelli, Khadija Alajdi, Letizia Tontodonati, Diletta Diverio, Valentina Gallo, Beatrice Fioretta, Micol Fabbrucci, Carola Fornara e Cristina Nitoj (tim.) nell’otto, Francesco Maulini, Andrea Carando, Alberto Vincenti e Leonardo Radice nel quattro di coppia e Khadija Alajdi e Benedetta Faravelli nel doppio.

Nella giornata di domenica ha brillato la vittoria di Luca Ceroni, Edoardo Lanzavecchia, Cosmin Muscalu, Filippo Fornara, Leonardo Radice, Francesco Maulini, Andrea Carando, Alberto Vincenti e Nicolò Liliu (tim.) nell’otto junior, l’argento (a soli 5 centesimi dall’oro) di Achille Benazzo, Arturo Rotta, Matteo Bonetti ed Alberto Zamariola nel quattro di coppia ragazzi ed i bronzi di Khadija Alajdi, Diletta Diverio, Benedetta Faravelli, e Letizia Tondodonati nel quattro senza junior ed Alessandro Visentini, Pietro Cappelli, Emanuele Giacosa e Riccardo Italiano nel quattro senza senior.

La classifica finale della manifestazione ha visto il Piemonte cedere una posizione, chiudendo ai gradini del podio: primo posto per la Lombardia, secondo per Rhône-Alpes e terzo per Suisse Romande.

A rendere ancor più entusiasmante e lieto l’evento, la presenza del Presidente della Federazione Italiana Canottaggio Giovanni Abbagnale, che nonostante gli impegni ha voluto esser presente durante la due giorni di gare per premiare i vincitori e vivere l’atmosfera di un evento che va oltre la competizione sportiva, riunendo ogni anno le rappresentative di tre nazioni strettamente legate fra loro.

Le foto dell’evento possono essere visualizzate nella sezione dedicata della Galleria, al seguente link.

Archiviato il T.E.R.A. 2016, conclusosi con il tradizionale scambio dei doni e l’annuncio del paese organizzatore dell’edizione 2017 (la regione di Rhône-Alpes), tornano i scena le gare di fondo: il prossimo 6 novembre San Giorgio di Nogaro ospiterà la terza prova del Campionato Italiano di Fondo, mentre la settimana successiva sarà la volta della Silver Skiff 2016, che come sempre porterà con sé la meravigliosa invasione di singolisti che solo questa manifestazione è in grado di attirare.

ALESSANDRO POLATO

©2016 All rights reserved.