Logo
Stampa questa pagina

XXXII D'Inverno sul Po - Conclusa la prima giornata di gare

XXXII D'Inverno sul Po - Conclusa la prima giornata di gare

Per il mondo del Canottaggio, il mese di Febbraio è simboleggiato da due eventi, imprescindibili: il Festival di Sanremo e l’Inverno sul Po.

Quest’ultimo, come la manifestazione canora, è chiaramente molto più di una semplice gara; come la Silver Skiff (altro evento simbolo di Torino e fiore all’occhiello del remo piemontese) è cresciuto sino a divenire una vera e propria kermesse, che da 32 anni richiama atleti da tutta Italia ed Europa, per un totale quest’anno di oltre 2.200 partecipanti, che si sono sfidati al sabato sulle barche corte (singolo, doppio, due senza ed equipaggi open) e la domenica, nell’ambito dell’annuale Campionato Italiano di Fondo, sulle barche lunghe (quattro di coppia, quattro senza ed otto).

Tanto spettacolo ed una pioggia di medaglie nella giornata di sabato per i canottieri piemontesi, che hanno primeggiato in numerose specialità.

In campo giovanile, le società piemontesi hanno dato vita ad avvincenti derby, monopolizzando in alcuni casi il podio.

Nella specialità del doppio allievi C maschile, l’Armida si aggiudica la vittoria ed il secondo posto, rispettivamente con Pietro Barbero ed Emile Sassi, e Giuseppe Barbagiovanni e Luigi Vaccarino.

Nella stessa specialità, di categoria femminile, terzo posto per Rosa Boldrino ed Annalisa Tarro (Cus Torino).

Nella specialità del singolo secondo posto per Lorenzo Nicosia (Cerea) in campo maschile e Caterina Zoppi (Amici del Fiume) in campo femminile.

Nella categoria Cadetti, il derby nel doppio femminile ha visto Lucrezia Baudino e Larisa Sarerman (2010 Candia) primeggiare su Agnese Medana e Giorgia Bardo (Cus Torino).

In campo Ragazzi vittoria nel due senza femminile per Annalisa Guerra e Diletta Zanin (Esperia), secondi posti per Carola Fornata e Sara Verhovez (Armida) nel doppio, Leone Radice (Cerea) nel singolo e Silvia Crosio (Amici del Fiume) nel singolo, che precede la compagna torinese Khadija Alajdi El Idrissi (Cus Torino), terza classificata, al pari del doppio di Paolo Trojan e Matteo Bonetti (Armida).

In campo Juniores Beatrice Fioretta e Diletta Diverio (Cus Torino) conquistano il secondo posto nel doppio; medaglia d’argento anche per Riccardo Peretti (Lago D’Orta) nel singolo maschile, mentre Micol Fabbrucci (Armida) conquista il bronzo nel singolo femminile.

Anche in campo Senior le medaglie piovono al termine di avvincenti derby fra equipaggi piemontesi: nella specialità del due senza il misto Cerea/Forestale di Guido Gravina e Giorgio Tuccinardi conquista l’oro, a precedere Emanuele Giacosa e Pietro Cappelli (Cerea), terzi classificati.

Nel doppio femminile vittoria per il misto Cus Torino/VVFF Billi di Greta Masserano ed Eleonora Trivella, a precedere il misto Esperia/Gavirate di Chiara Gilli e Federica Cerarini, terze classificate.

Nel singolo femminile la vittoria va a Gaia Palma (Lario), che precede Kiri Edwina English Hawke, seconda classificata.

Altro derby, altre medaglie: nella specialità del doppio, argento per il misto Armida/Gavirate di Alberto Di Seyssel e Davide Magni, a precedere Edoardo Margheri e Federico Gherzi (Esperia), terzi classificati.

Medaglie d’argento, infine, per Lorenzo Galano (Esperia) nel singolo maschile e Carlotta Zuanon e Laura Morone nel doppio femminile.

In campo Master, la partecipazione degli atleti piemontesi alla D’Inverno sul Po è, come sempre, massiccia.

31 medaglie in 23 specialità, il che significa che in numerosi casi il podio è stato tutto piemontese.

Limitiamoci quindi al lungo elenco dei nomi…

Vittorie per: Francesco Zucchi (Armida) ed Alessandro Polato (Caprera), Massimo Bregolin e Peter Lukes (Armida), Edoardo Sandrone e Bruno Coero (Cerea), Roberto Manzin e Massimo Mondini (Armida), Luciano Gubetta ed Enzo Villari (Cerea), Danilo Nolli (Corgeno), Paolo Braida (Esperia), Bruno Casetta (Armida), Pier Augusto Favole (Cus Torino), Cristina Rasario (Cus Torino), Carolina Mailander (Armida), Fiorella Pogliani (Amici del Fiume).

Secondo posto e medaglia d’argento per: Simone Migliaro e Carlo Tabellini (Eridano), Adriano Schenone (Caprera) e Federica Matteoli (Armida), Matteo Romano (Caprera), Giovanni Boffa (Caprera), Romano Uberti (Cerea), Flavio Dematteis (Esperia), Raffaele Mazzuoccolo (Armida), Valeria Vitali e Roberta Mentigazzi (Cus Torino), Rossana Paini (Esperia) ed Angela Lando (Cerea), Piera Balocco (Esperia).

Terzo posto e medaglia di bronzo per: Dario Fascio e Guido Panizza (Cerea), Antonio Baruffaldi e Franco Ceresa (Cerea), Paola Bruera (Cus Torino), Francesca Pasquali, Stefano Mezzanoglio e Mario Lanfranco (Cus Torino), Andrea Verhovez (Cerea), Fabio Serafino (Armida), Romano Enzo (Caprera), Emanuele Balbo (Armida), Marcello Gariel (Cerea), Silvia Caligaris e Margherita Italiano (Amici del Fiume).

Ma la D’inverno sul Po cerca sempre di crescere ed ampliarsi, ed è così che quest’anno è stata inserita anche la Indoor Pararowing Competition, sfida in remoergometro dedicata agli atleti Pararowing, che ha raccolto grande partecipazione e tifo intorno ai partecipanti.

Per otto di essi, alla sfida sul vogatore si è aggiunto anche il percorso in acqua: si tratta di Matteo Bianchi, Manuel Vaccaro, Alessandro Rossi, Matteo Bongiovanni, Giovanni Rastrelli, Umberto Giacone, Lorenzo Sforza ed Andrea Appendino (Armida),i quali, timonati da Filippo Cardellino, si sono cimentati sulla distanza di 4000 metri, in vista della partecipazione, il prossimo mese, alla Heineken Cup ad Amsterdam.

L’armo, che vestirà i colori del Comitato Regionale Piemontese, si confronterà con atleti normodati, splendida testimonianza di come lo sport possa unire ed abbattere le barriere.

Menzione d’onore e medaglia speciale, infine, per Edoardo Lo Faso, collaboratore e simbolo della Canottieri Esperia, che come sempre ha aperto la manifestazione sfilando in canoino.

Archiviata la giornata di sabato, siamo solo a metà cammino: dalle ora 10 di domani sarà la volta delle barche lunghe, che vedranno scendere in acqua esattamente il doppio degli atleti cimentatisi quest’oggi.

Le foto delle regate di sabato, a cura di Bruno Bassani, sono visibili ai seguenti link:

 

 

ALESSANDRO POLATO

©2016 All rights reserved.