Дървен материал от www.emsien3.com

The best bookmaker bet365

The best bookmaker bet365

Menu

Sabaudia - Armida Campione d’Italia nell’8+ Junior. Nel tricolore master Caprera e Armida protagoniste.

Sabaudia - Armida Campione d’Italia nell’8+ Junior. Nel tricolore master Caprera e Armida protagoniste.

Nelle gare degli atleti si distinguono Alessandro Gardino, Giuseppe Barbagiovanni, Elia Giannarelli, Emilio Pappalettera, Emile Sassi, Alessandro Fantechi, Edoardo Gollin, Francesco Galvagno, tim. Edoardo Pagano (Armida) che si aggiudicano il titolo di Campione di Italia con autorevolezza dominando i validissimi atleti del Gavirate a Varese e qui a Sabaudia gli agguerritissimi avversari della Limite.

Anche i Master piemontesi lasciano il segno nel lungo percorso delle regate di fondo che comporta, oltre all’assiduo allenamento, anche un grande impegno personale per le numerose e faticose trasferte da affrontare.

Nella Coppa Italia di Gran fondo ben due società torinesi si collocano nei primi tre posti su ben 52 società partecipanti: Caprera prima e Armida terza.

Nel Tricolore Master nell’8+ over 54 maschile vince indiscutibilmente il Caprera (primi nella gara odierna con Uberti Bevilacqua Torasso Pastore Consalvo Bozzi Saccone Manzella Iseppi).

Nel 8+ over 54 femminile ancora Caprera primo a pari merito con l’equipaggio dell’Armida (nella gara odierna quarte con Chiappino Borgialli Signorelli Lodigiani Casalegno Barberis Martin Radice Brugo) che ottiene gli stessi punti ma meno vittorie e quindi risulta seconda.

Nel quattro di coppia 43-54 è l’Armida a piazzarsi prima (secondo posto nella gara odierna con Abate Levi-Montalcini Matteoli Pressenda) mentre terzo è l’equipaggio del Cus.

Nel quattro di coppia over 54 femminile ancora primo posto per il Caprera (nella gara odierna prime con Paini Lando Sereno Martino) seguito dall’equipaggio Esperia.

Sempre nel Tricolore Master ancora altri piazzamenti: nel quattro di coppia over 54 maschile si piazza terzo il Caprera e nell’8+ femminile 43-54 secondo gli Amici del Fiume.

Riccardo Iuliani

Torna in alto