Дървен материал от www.emsien3.com

The best bookmaker bet365

The best bookmaker bet365

Menu

Antidoping – Il Comitato Piemontese forma tecnici e dirigenti

Antidoping – Il Comitato Piemontese forma tecnici e dirigenti

Si è svolto lunedì 16 dicembre, presso il salone della Canottieri Armida un interessantissimo ed utilissimo incontro sulle norme antidoping, organizzato dal Comitato Piemontese.

Il primo incontro di informazione-formazione era rivolto ai dirigenti societari e tecnici di tutte le società piemontesi.

In questi ultimi anni si è potuto notare alcune lacune conoscitive sulle norme, che hanno determinato problematiche sul campo con risvolti giuridici ed economici. Tali sanzioni e procedimenti si sarebbero potuti evitare facilmente con maggior attenzione e conoscenza della materia. Proprio per questo l’incontro non è stato impostato sugli aspetti medici ma soprattutto sulla parte normativa.

All’incontro hanno partecipato rappresentanze degli allenatori di Armida e Caprera ,dei dirigenti societari di Amici del fiume e dei Giudici arbitri.

L’incontro è iniziato con una breve introduzione “on line” che ha mostrato ai partecipati dove trovare sul sito della Federazione Italiana Canottaggio le informazioni utili e gli strumenti necessari per un corretto approccio alla materia. Successivamente è continuato con la relazione dall’Avvocato Antonio Maria Borello, esperto in materia.

L’incontro è stato molto vivace con domande dei partecipati all’Avvocato Borello che grazie alla disponibilità e alla relazione molto dinamica e ricca di immagini ed esempi significativi ha permesso di capire l’importanza di questo aspetto del canottaggio e dello sport in generale. Tale aspetto spesso è trascurato e ritenuto poco significativo, fino a quando non si incappa nelle pesanti conseguenze sanzionatorie dovute a comportamenti non corretti espletati per lo più per superficialità più che tentativi di frode.

Si coglie l’occasione per ringraziare in particolare il relatore, i partecipati e la canottieri Armida per l’ospitalità.

Riccardo Iuliani

Torna in alto